Oderzo

Oderzo
Oderzo

Oderzo: città archeologica e d’arte

Oderzo, splendida cittadina della provincia di Treviso, a 13 km da Vigna Brugnera, sorge tra i fiume Piave, Livenza e Monticano. Dalle antiche origini paleovenete e municipio di grande importanza in epoca romana, il nome della città deriva dal latino “Opitergium” che a sua volta deriva dal venetico Opterg, ovvero ”Piazza del mercato”.

È talmente tanta la storia che Oderzo ha vissuto che ogniqualvolta si inizia a scavare, vengono alla luce reperti di tutte le epoche. Certamente non è poco quello che è già stato estratto dalle macerie del tempo e che ora viene orgogliosamente esposto nella città d’arte.

Oderzo conserva case gotiche porticate e palazzi rinascimentali e non a caso è stata nominata dal Touring Club Italiano “Città più porticata d’Italia”. Il fiume Monticano funge da architettura urbana delimitando la grande Piazza Vittorio Emanuele II, con la sua particolare forma a palcoscenico che ospita in estate Opere liriche, col suo Duomo tardogotico di San Giovanni Battista affiancato dal campanile, che prima era torre della cinta muraria non più esistente e il Torresin, la Loggia Comunale.

Lungo Via Mazzini è esposta tutta la romanità che giaceva nel sottosuolo, dal foro alla basilica, e in più alcune abitazioni. Il resto è visibile al pregiatissimo Museo Civico Archeologico Opitergino “Eno Bellis”.

In varie zone di Oderzo è possibile ammirare suggestivi siti archeologici a cielo aperto: l’area del Foro Romano, l’area delle ex carceri, l’area di Via dei Mosaici, l’area tra Piazza Grande (già Piazza Vittorio Emanuele) e Piazza Castello.