Conegliano

Conegliano
Conegliano

Conegliano: città del Prosecco

Conegliano sorge tra le verdi colline ed è una delle due città del vino Prosecco. Essa, infatti, rappresenta il punto di partenza della Strada del Vino Bianco, che arriva fino a Valdobbiadene, lungo un percorso che si snoda tra i paesi del Quartier del Piave.

Conegliano per secoli ha ricoperto il ruolo di roccaforte militare, prima di passare sotto la Serenissima Repubblica che valorizzò la sua indole produttiva, soprattutto di olio e vino e l’artigianato.

Conegliano presto si distinse nella cultura enologica e dall’Ottocento il suo nome si legò esclusivamente al vino, grazie al ruolo chiave giocato da Antonio Carpenè. Egli introdusse tecniche innovative nella lavorazione dell’uva oltre ad istituire la Regia Scuola di Viticoltura nel 1877, tuttora la rinomata Scuola Enologica, frequentata da Celestino Brugnera.

L’attrazione principale di Conegliano è la via principale XX Settembre, percorsa da portici e da palazzi antichi affrescati ed in stile gotico – veneziano.

La più grande opera d’arte è la Pala di Cima da Conegliano della “Vergine con Bambino e Santi” (1493) contenuta nel Duomo.

Da visitare anche la Casa di Cima e i Giardini di Castelvecchio, sede del Museo di Storia Locale, ma anche la fortezza e le affascinanti testimonianze del suo passato più remoto.